Chiesa

News

News

Chiesa dei Santi Silvestro e Martino Milano

  • Text size
Chiesa dei Santi Silvestro e Martino
Chiesa dei Santi Silvestro e Martino Milano
  • Progettata dall'architetto Mario Cavallè del Politecnico di Milano in forme novecentesche, nel 1939, con il sopraggiungere della guerra la costruzione, arrivata alle navate, si blocca. Subisce gravi danni dai bombardamenti del '43. L'edificio viene scoperchiato dal tetto e squarciato nelle pareti, nelle porte e nelle finestre; l'incendio sviluppatosi distrugge tutte le suppellettili. I lavori di ricostruzione furono affidati al Cabiati e al Brambilla. I due nuovi incaricati studiano ex novo tutta l'architettura e la mettono a disegno.

Tra il 1968 e il 1972, ormai morto il Cabiati, fu ancora Luigi Brambilla a portare a compimento la chiesa con la costruzione del transetto dell'abside e del presbiterio. L'imponente costruzione interessa un'area coperta di circa 1.600 mq. L'attuale aspetto architettonico, che ha dovuto rispettare la preesistente struttura in cemento armato, è quella basilicale a tre navate. Ad eccezione delle otto colonne rivestite in marmo bianco venato di Lasa, l'ambiente interno ripropone il contrasto tra il mattone vivo e il cemento bianco della volta a botte e della cupola a padiglione. Il pavimento è in marmo perlato di Sicilia con una cromatica passatoia intarsiata (nero del Belgio e rosso alicante). L'altare maggiore è stato realizzato secondo le vigenti norme liturgiche. Vicino all'ingresso vi sono due cappelle: una è il fonte battesimale, l'altra è per i defunti. Il fonte battesimale in marmo è decorato con formelle in rame di Primo Lavagnini e da una statuetta in bronzo del Battista, opera del Panceri. La facciata, soprelevata di otto gradini rispetto al piano stradale, è dominata da un arcone che accoglie la porta maggiore, sovrastata da un rosone, e due porte laterali.

Mappa