Milano / Arte Cultura Milano / Ville Milano

Locali

Locali

Ville Milano

  • Text size
In evidenza
Ville Reale Milano
Ville Milano
  • Siete amanti delle ville? Se lo siete allora vi trovate nella sezione che fa per voi. Infatti ci proponiamo di fornirvi un elenco dettagliato di tutte le Ville di Milano. L'obbiettivo è quello di aiutarvi a muovervi con maggior facilità nella scoperta di questi fantastici capolavori dell'architettura.Sono veramente molte sul territorio che per la sua estensione rende difficile trova e raggiungere le suddette senza un ausilio. Speriamo in tal senso di esservi d'aiuto qualora desideriate visitare quelle bellezze, espressione della creatività e della bravura dei migliori architetti al mondo.

Ville e dimore storiche in provincia di Milano

E’ soprattutto durante il periodo asburgico che Milano e il suo territorio hanno visto fiorire le ville più splendide e raffinate. A cominciare dalla Villa Reale di Monza , un gioiello voluto proprio da Maria Teresa d’Austria e progettato in forme neoclassiche, sul modello della Reggia viennese di Schönbrunn, dal suo grande architetto, Giuseppe Piermarini. E all’epoca di Maria Antonietta risale anche il rifacimento, sempre a opera di Piermarini, del Palazzo Reale di Milano - oggi purtroppo gravemente danneggiato dai bombardamenti subiti nel corso della Seconda Guerra Mondiale -, a quell’epoca la sede del governo in Lombardia.

Al periodo asburgico risale anche Villa Reale di Milano , eretta nel 1790 da un altro grande architetto neoclassico, Leopold Pollack, per i conti Barbiano di Belgioioso, e scelta come dimora dal vicerè d’Italia Eugenio Beauharnais durante il periodo napoleonico. E ancora per i Belgioioso sorse nel 1772 l’omonimo splendido palazzo neoclassico, creazione del Piermarini, che domina con la sua facciata a colonne la splendida piazzetta su cui si affaccia anche la casa in cui visse, dal 1814 alla morte, Alessandro Manzoni.
E l’elenco potrebbe continuare - con straordinarie realizzazioni tra cui i Palazzi Brentani e Anguissola , a cui lavorò Luigi Canonica, o i Palazzi Serbelloni , Rocca Saporiti e Bovara , che delineano la neoclassica passeggiata di Corso Venezia -, a testimoniare la splendida stagione artistica vissuta dalla città alla fine del Settecento.

Anche nei secoli precedenti Milano si era abbellita di splendidi palazzi. Basta pensare al Palazzo Marino , la sede del Comune, che fronteggia il Teatro alla Scala con la sua facciata rifatta nel corso dell’Ottocento, ma che conserva ancora la struttura cinquecentesca, e alla splendida Casa Silvestri , uno dei pochi esempi di edilizia rinascimentale ancora presenti in città e riconoscibili nonostante gli interventi di epoca successiva. O al seicentesco Palazzo Sormani , oggi sede della più importante biblioteca civica, e Palazzo Durini , progettato nel 1648 da Francesco Maria Ricchino, o ancora al Palazzo Borromeo , danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale ma oggi ricostruito nelle forme originarie.

Ma Milano ha anche una bellezza nascosta, fatta di palazzi che presentano sulla strada una facciata austera, mentre all’interno si aprono su giardini e cortili che sono curatissimi e sorridenti spazi di verde. E’ il caso degli edifici che affiancano via Manzoni, chiamata tra il Settecento e l’Ottocento “Corsia del Giardino” proprio per gli spazi di verde che si aprivano dietro i portoni dei suoi palazzi neoclassici; o di quelli lungo corso Magenta, via Boccaccio e le strade adiacenti: armoniosi palazzi d’epoca che nascondono spazi verdi e cortili suggestivi; o ancora delle strade intorno alla basilica di sant’Ambrogio, o delle prestigiose vie del centro, quelle che offrono ai turisti le vetrine scintillanti d’alta moda affacciate sulla via, ma che conservano un’ anima nascosta e “privata” da scoprire sbirciando dietro i portoni.

E poi, ci sono le splendide ville che la nobiltà milanese si fece erigere appena fuori città, e che oggi sono state in parte riassorbite dal tessuto urbano: Villa Simonetta , eretta alla fine del Quattrocento e ricostruita nel 1547; Villa Borromeo a Cassano d’Adda, una raffinata residenza neoclassica anch’essa opera di Giuseppe Piermarini; Villa Arconati ad Arese, che deve il suo aspetto attuale ad un rifacimento del 1730 ; Villa Gandini di Robecco sul Naviglio, la cui struttura originaria risale al Trecento ma che fu ricostruita sotto Ludovico il Moro, che ne fece la sua “Villa Gaia” ; Villa Litta Modigliani ad Affori, costruita alla fine del Seicento e circondata da un ampio parco; la cinquecentesca Villa Litta a Lainate , con il suo parco movimentato da grotte, ninfei e scherzi d’acqua; l’ottocentesca Villa Litta Bolognini a Vedano al Lambro, fiancheggiata dal Mausoleo della Duchessa Litta, la storica amante di re Umberto I.
E l’elenco potrebbe continuare, con i tanti gioielli che costellano il territorio di Milano e che offrono al visitatore l’emozione della scoperta di un patrimonio fatto di edifici di straordinario valore artistico e architettonico, tra le cui mura si ha in molti casi l’illusione di ritrovare il sapore della vita scintillante della nobiltà lombarda dei secoli passati.

Elenco Ville

Mappa

Mostra sulla Mappa
Hotel 1 Stella
Hotel 2 Stelle
Hotel 3 Stelle
Hotel 4 Stelle
Hotel 5 Stelle
Ristoranti
Discoteche
Teatri
Monumenti